Componenti e qualità del microscopio

Le diverse parti dei microscopi sono molto importanti e ci consentono di capire come utilizzare al meglio questo strumento e come sceglierlo. La struttura e la qualità di un microscopio e delle sue componenti risulta perciò decisamente importante al fine del corretto utilizzo. Tutti i vari modelli di microscopi hanno diverse caratteristiche standard da rispettare e una serie di garanzie che permettono la massima precisione.

Generalmente i vari modelli che si trovano in commercio sono sempre dotati di una struttura portante molto simile, questa struttura ha tre parti fondamentali, che ci permettono il corretto uso dello strumento.

Ogni modello o tipo di microscopio è dotato perciò di un sistema ottico, che a sua volta viene collegato al sistema di illuminazione con un condensatore. Sistema ottico e sistema di illuminazione vengono alloggiati sulla struttura di sostegno, la stessa struttura che ci consente l’uso e permette di spostare il microscopio. Il microscopio è costruito per essere mobile e trasportabile, quindi riusciamo ad usarlo in un posto o in un altro. Ovviamente in commercio si possono trovare anche modelli molto grandi e complessi, dotati di altissime risoluzioni e difficilmente andranno spostati, ma si tratta comunque di macchine strettamente professionali.

Tutte le parti della struttura del microscopio devono avere una serie di elementi indispensabili, la qualità di questi specifici elementi può quindi darci un’idea la qualità funzionale dello strumento stesso e della sua precisione.

La parte fondamentale del microscopio è detta “testa” , nella testa vengono collocati gli oculari con gli obiettivi ottici. Per scegliere uno strumento di qualità dobbiamo assolutamente andare a acquistare un microscopio che abbia degli obiettivi buoni e che siano conformi ai nostri bisogni e al tipo di studio che dobbiamo fare.

Ci sono diverse risoluzioni che si possono ottenere con un microscopio, in ogni microscopio quindi vi verrà indicata la potenza risolutiva e il tipo di lenti. Per riuscire a sfruttare le lenti è necessario avere anche condensatore di alta qualità. Il condensatore con un sistema di raggi di luce e lenti, indirizza la luce sul campione da analizzare e quindi ci fa osservare con precisione l’ingrandimento. La terza parte del microscopio molto importante è di sicuro il revolver. Il revolver ci permette di riuscire a cambiare obiettivo senza dover smontare ogni volta le lenti, perciò cambia risoluzione del campione senza doverci spostare dall’oculare. Se volete conoscere altre caratteristiche visitate il sito sul microscopio elettrico.